martedì , 24 ottobre 2017
Ultime News
Fratelli Marano

Fratelli Marano

I fichi di Cosenza dalla raccolta alla trasformazione conservano un fascino che ci riporta indietro nel tempo. E’ un   frutto antichissimo e molto diffuso lungo le sponde del Mediterraneo, ma è acclarato che   il fico calabrese abbia delle peculiarità che ne fanno uno tra i più gustosi dell’intera area di produzione, tant’è che recentemente ha   persino conquistato la D.O.P. . Il fico si presta ad essere consumato fresco oppure ad essere gustato come dessert in raffinate preparazioni dolciarie come quelle dell’azienda Marano di Amantea(Cs) che dal 1930 trasforma il fico secondo antiche ricette. Le “crocette”,ad esempio, che vengono intrecciate a mano e poi farcite con mandorle o noci e con una scorzetta di arancia candita,cotte al forno ed aromatizzate secondo la ricetta creata 80 anni fa da Bartolo Marano, il fondatore dell’azienda, con zucchero, cannella e alloro. La raccolta e la selezione dei fichi, l’essiccazione al sole sui graticci di canna, ed infine la fase   creativa che nobilita il frutto, si inseriscono in un procedimento ed un ciclo assolutamente naturali che fanno dei fichi dei Fratelli Marano una vera e propria eccellenza calabrese. Ogni generazione ha impresso al laboratorio artigianale un’impronta originale che si è ben adattata allo spirito della tradizione dettando nel contempo nuovi criteri di gestione che hanno consentito all’azienda di stare al passo coi tempi se non di precorrerlo con la creatività e l’innovazione. Il capostipite Bartolomeo Marano prima di cimentarsi in modo originale con le Coroncine, le Crocette ed i Palloni , si occupava di raccolta e vendita all’ingrosso di fichi ,che nei primi anni del 900 hanno rappresentato per le famiglie calabresi oltre che un frutto anche un alimento sostitutivo del pane. Negli anni ‘70/’80 gli subentrarono il papà di Davide Rino Marano  (che oggi è responsabile della produzione) e lo zio Silvio che portarono l’azienda a radicarsi in tutta Italia, inaugurando il felice abbinamento dei fichi con il cioccolato e poi nuove ricette che mettono al centro altri prodotti calabresi come il peperoncino,la liquirizia ed il bergamotto. Gli ulteriori sviluppi commerciali sono il tratto distintivo della terza generazione guidata da Bartolomeo Marano detto Davide che ha portato il gusto dolce e delicato dei fichi in Germani,Francia, U.S.A., Brasile, mentre si sta guardando con interesse ai mercati dell’est europeo, in questo seguito dai due fratelli che lo affiancano con entusiasmo e   dedizione. Con Davide Marano il rapporto dell’azienda col territorio è diventato uno dei punti di forza della strategia di marketing:«All’estero -sostiene Davide Marano- il lifestyle calabrese è molto apprezzato e noi puntiamo   sull’immagine della Calabria nel suo insieme così il nostro prodotto si inserisce automaticamente in questo contesto, secondo lo sperimentato modello applicato in Toscana .Insomma proponendo la bellezza della regione riusciamo a conquistare nuovi mercati inserendoci con il nostro prodotto d’eccellenza». Negli ultimi anni la gamma dei prodotti è stata ampliata   ed accanto a quella dei fichi i Fratelli Marano hanno aggiunto nuove lavorazioni, come quella del cioccolato per la produzione di Uova di Pasqua , di Panettoni e delle raffinatissime praline ripiene di originali e sorprendenti creme. E così sono nate le ricette più moderne e adatte alle più svariate esigenze di palato, come i Paciocchi, ormai tra i più richiesti, deliziosi fichi farciti con mandorle o noci, cotti al forno e proposti con una ricopertura di cioccolato fondente extra, di cioccolato bianco o di cioccolato al latte; la linea delle Ficule, fatta da morbidi fichi che prima di essere ricoperti di cioccolato vengono farciti con sei diversi tipi di creme artigianali realizzate sempre dai Fratelli Marano, come la crema al peperoncino o alla liquirizia di Calabria, la linea dei Bon Bon, tra i prodotti più “spiritosi” in più di un senso, dal momento che sono delle praline a base di una pasta di fichi e diversi liquori. Come una volta, ancora oggi, attraversando Amantea si può cogliere quel fresco profumo e armonico che si sprigiona dal laboratorio dei Fratelli Marano, che avvolge l’intera cittadina tirrenica come un inebriante sottofondo aromati

Massimo Ranieri

EATALY - alti cibi