giovedì , 21 settembre 2017
Ultime News
Il New York Times incorona la Calabria: è tra le mete del 2017

Il New York Times incorona la Calabria: è tra le mete del 2017

  • l giornale statunitense stila una classifica delle 52 mete turistiche imperdibili per l’anno appena iniziato. La Calabria è l’unica zona italiana in lista. Merito di prodotti tipici e alta cucina. La Calabria è tra le mete imperdibili per il 2017 secondo il New York Times e le motivazioni sono prettamente gastronomiche. “Il cibo italiano oltre le mete tradizionali” titola la giornalista statunitense Danielle Pergament secondo la quale i piatti migliori d’Italia si trovano proprio nella regione “di punta” dello stivale e non, come ci sia aspetterebbe “a Roma o in Toscana”  Dalla tradizione alla sperimentazione gastronomica contemporanea, il giornale americano sottolinea come la cucina calabrese di oggi non si basi solo sulla notissima ‘Nduja e sull’incredibile produzione di Bergamotto, ma anche e soprattutto sull’agricoltura biologica e la riscoperta di vitigni autoctoni.  “Il nostro tesoro vede finalmente la luce”. E’ questo il commento entusiasta di Antonio Abbruzzino alla notizia dell’inserimento nella lista del Nyt; il suo ristorante, “Antonio Abruzzino Alta Cucina Locale“, è tra quelli citati come portabandiera della nouvelle vague della gastronomia calabrese, grazie a innegabili successi nell’ambiente come il premio per la “famiglia gastronomica dell’anno 2017” per l’azienda, a conduzione familiare, e la designazione di Luca Abbruzzino, figlio di Antonio e responsabile della cucina, come Giovane chef dell’anno per la guida dei ristoranti dell’Espresso.  Insieme a loro il Nyt cita, come esempio di mete gastronomiche da non perdere, altri due locali di qualità: il ristorante Dattilo di Strongoli e il Ruris di Isola Capo Rizzuto.  Il segreto? I prodotti tipici capaci, secondo Abbruzzino, di “soddisfare anche i palati più esigenti. Ogni giorno dialoghiamo con le risorse professionali locali. Luca mantiene rapporti con piccoli produttori agricoli, capaci di fornire cose eccezionali. Ecco perchè in diverse parti del mondo oggi amano la cucina calabrese”.  Proprio di recente il ristorante Abbruzzino ha cambiato look, in sala ed in cucina. “Ma il nostro punto di riferimento – ha dichiarato Antonio all’Agi – resta la terra calabrese, tutto quello che è in grado di produrre noi lo utilizziamo”.”Essere citati su un giornale importantissimo come il ‘New York Times’ è per me una grande gioia. Mi fa molto piacere che la mia terra, la Calabria, venga messa insieme a posti come le Maldive perché vuol dire che si sta facendo bene”. E’ radiosa, parlando con l’Adnkronos la proprietaria e chef stellata del o ristorante “Dattilo” di Crotone, Caterina Ceraudo.
    “Lavorare in questo territorio – spiega – è fantastico perché nonostante non ci sia nulla siamo riusciti a valorizzare i nostri prodotti, tutti provenienti da agricoltura biologica. Le materie prime sono tutte di nostra produzione e questo rispecchia la filosofia della nostra azienda: cibo sano e di qualità”
  • I  sette migliori ristoranti  (da: I Ristoranti d’Italia 2017 de l’Espresso)
    • Antonio Abbruzzino Alta Cucina Locale (due cappelli)
      via Fiume Savuto, Quartiene Santo Janni – ( 0961.799008)
    • Dattilo ( un cappello)
      Contrada Dattilo, Marina di Strongoli – (0962.865613)
    • Il Gambero Rosso (un cappello)
      Via Montezemolo 65, Marina di Gioisa Jonica – (0964.415806)
    • La Locanda di Alia (un cappello)
      Via Ietticelli 55, Castrovillari – (0981.46370)
    • La Tavernetta (un cappello)
      Contrada Campo San Lorenzo 14, Camigliatello Silano – (0984.579026)
    • Qafiz (un cappello)
      Località Calabretto Lubrichi, Santa Cristina d’Aspromonte – (324.8489554)
    • Taverna Kerkira (un cappello)
      Corso Vittorio Emanuele 217, Bagnara Calabra – (0966.372260)
  • fonte la Repubblica L’Espresso 

EATALY - alti cibi